Un quadrato di polistirolo bianco  attaccato con del fil di ferro a una ringhiera e una scritta, con calligrafia incerta, che dice: “Agli operatori ecologici, grazie” . Una provocazione forse,  un segno di degrado e inciviltà sicuramente.
Siamo ad Ostia antica, in via del Collettore Primario, dove è sorta l’ennesima discarica abusiva. La segnalazione ci giunge dall’associazione “Salviamo Ostia antica” che in maniera sarcastica parla di “nuova isola ecologica gratuita a disposizione degli incivili incalliti senza nessun ritegno”.
Nonostante i problemi che stanno affliggendo il quartiere, tra cantieri che sfornano ecomostri, abitazioni inagibili,  alberi che cadono e  strade impercorribili,  a poche centinaia di metri da uno dei poli archeologici più importanti del paese,  si continua a fare i conti con chi abbandona senza alcuna remora rifiuti ingombranti o buste con rifiuti organici quotidiani.