No all’introduzione dell’autovelox su Via Cristoforo Colombo. Sono inferociti i residenti del Decimo Municipio, tanto che hanno lanciato una petizione online sulla piattaforma change.org per fare in modo che l’amministrazione rinunci a installare “Caesar” il dispositivo che multera’ chiunque superi il limite di 50 chilometri orari. “E’ una velocita’ imposta nel centro di Roma, dove ci sono macchine parcheggiate, incroci continui e pedoni che attraversano – scrivono i cittadini nella richiesta – quest’ ulteriore restrizione e’ un insulto per una civilta’ dove le auto diventano sempre piu’ veloci, ma i limiti sono sempre piu’ proibitivi. Riparare il manto stradale costa. Installare questi impianti, invece, riempirà le casse vuote del campidoglio, ma svuotera’ le tasche degli automobilisti, gia’ impegnati a pagare le riparazioni di gomme, cerchi e sospensioni”. Il testo si chiude con un appello: “Per coloro che non conoscono la strada, andate contro questa politica di aumento degli autovelox. Per tutti gli sfortunati che devono farla e che si rifiutano di aderire alla follia di percorrerla con il piede sul freno firmate e condividete questa petizione”. La vicenda, intanto, e’ approdata al consiglio del Decimo Municipio. “Alla nostra question time, la presidente Di Pillo ha risposto che la notizia e’ infondata, ma il limite rimarra’ a 50 all’ora – ha dichiarato la consigliera Mariacristina Masi, che conclude: “Si tratta di un’altra promessa non mantenuta dalla sindaca Raggi. Aveva garantito che sarebbe stato un provvedimento provvisorio”.