Una commissione istituzionale per tutelare la palude di Torre Flavia.
I comuni di Ladispoli e Cerveteri si sono incontrati per concordare le richieste da avanzare alla città metropolitana al fine di salvaguardare l’area protetta. All’ex-provincia, in particolare, si chiede di eseguire delle opere strutturali nella zona umida – che al suo interno ospita anche diverse specie animali – ripristinando la fascia colpita dall’incendio della scorsa estate. Nel frattempo, grazie a una convenzione stipulata con l’università della Tuscia, nei prossimi mesi gli studenti effettueranno degli stage formativi nella palude di Torre Flavia e si occuperanno della manutenzione ordinaria, oltre che del censimento di flora e fauna. Domenica scorsa, proprio torre Flavia ha ospitato la tappa del tour che apre la campagna del WWF  “generazionemare”: decine di volontari hanno ripulito l’area dalla plastica e da tutti quei rifiuti ‘non degradabili’ che ogni anno finiscono in mare per poi riversarsi sulle coste.