Come anticipato nei giorni scorsi, l’Agenzia Roma Servizi per la Mobilità ha messo mano al servizio di trasporto pubblico notturno. E se prima abbiamo raccolto le legittime rimostranze di tanti giovani dell’entroterra del Decimo Municipio, tagliati fuori dal servizio, ora a protestare èchi – ogni giorno – all’alba – in particolare da Ostia Ponente, deve recarsi a Roma per lavoro: la nuova pianificazione oraria non tiene conto delle loro esigenze. Le lavoratrici hanno avviato una raccolta firme per chiedere una rimodulazione del servizio, interessando della questione direttamente la Sindaca Raggi.