Le spiagge libere di Ostia Ponente stentano a risollevarsi. E tra la carenza di servizi e attrazioni per la popolazione, gli ex concessionari non ci stanno a recitare la parte degli abusivi. Sarebbero loro – denunciano – ad aver subito dei soprusi da parte dell’amministrazione. Una determina afferma che del 1999 il Municipio non è più concessionario delle spiagge libere e dunque non avrebbe potuto assegnarle a soggetti terzi. L’unica colpa degli assegnatari è stata paradossalmente la vittoria di un bando pubblico illegittimo.