“Hanno programmato un omicidio brutale senza apparente motivo”. Per il gip del Tribunale di Roma Lorenzo Marinelli e Daniel Bazzano hanno sparato al 20enne Manuel Bortuzzo: “Con evidente intento di ucciderlo e non ferirlo”. E’ stato convalidato quindi il fermo e applicata per entrambi la misura della custodia cautelare in carcere con l’accusa di tentato omicidio aggravato dalla premeditazione. Nell’interrogatorio di garanzia si sono avvalsi della facoltà di non rispondere, non aggiungendo altro a quanto raccontato la sera che si sono costituiti in Questura. In ogni caso le dichiarazioni rese davanti al pm sono discordanti e tendenti a ridimensionare la responsabilità di Bazzano. A sparare, infatti, è stato Marinelli. L’ intenzione di costituirsi sin dal primo momento appare poco credibile. Ora le indagini vanno avanti nel tentativo di scoprire se I due abbiano recuperato una pistola che avevano acquistato in precedenza o se qualcuno gliel’abbia prestata. Intanto, il 20enne rimasto gravemente ferito, in un audio postato sulla pagina Facebook “Tutti con Manuel” ha fatto sentire per la prima volta la sua voce. Dal letto di ospedale al San Camillo, dove si trova, ha voluto ringraziare tutte le persone che fanno il tifo per lui…