La guardia di finanza di Fiumicino ha sequestrato oltre cinquecentomila articoli d’abbigliamento che venivano spacciati come capi “made in italy” ma erano prodotti in Cina.