Manca la pervasità del potere coercitivo. Questa la motivazione ufficiale della discussa sentenza che lo scorso giugno ha fatto cadere l’aggravante del metodo mafioso nel processo contro la famiglia Fasciani.