Si prospetta un’estate in fila indiana sulla Cristoforo Colombo. La giunta municipale prova però a sbloccare la situazione delle potature. La storia dell’ultimo anno della Cristoforo Colombo è contraddistinta da una serie di provvedimenti non proprio comprensibilissimi. Palliativi volti a ridurre I rischi per gli automobilisti, soprattutto a causa di un manto stradale dissestato e quindi pericoloso. Esattamente questo senso del provvedimento che portò il Comune ad introdurre limiti a 50 chilometri orari, su un’arteria dove un limite così basso è oggettivamente complicato da rispettare. E’ arrivato poi il provvedimento che fa tanto discutere in questi giorni, ovvero il restringimento della carreggiata sulla laterale. Gli operai avevano iniziato l’intervento all’altezza di Casal Palocco, quando ancora non era chiaro a cosa servisse quel restringimento. Stamattina l’intervento è continuato anche oltre, in direzione Ostia, davanti alla pineta di Castel Fusano. All’origine di tutto questo caos sulla cristoforo colombo ci sarebbe proprio l’assenza di manutenzione del verde. Ma su questo punto in queste ore si è mossa anche la giunta del Decimo Municipio che con una direttiva firmata dall’assessore all’Ambiente Alessandro Ieva e alla presidente giuliana di pillo ha dato mandato al dirigente della direzione tecnica di attivarsi per predisporre gli appalti per le potature e la rimozione delle piante secche su Viale dei Romagnoli, Viale Ostiense, Via del Mare e Via Cristoforo Colombo.