Legambiente Lazio ha scritto alla Regione chiedendo di non abrogare gli incentivi per la manutenzione delle aree verdi da parte dei cittadini. I contributi, che rischiano di essere bloccati con l’entrata in vigore della nuova legge 128 sui beni comuni, sono nati con la finalita’ di sostenere le Amministrazioni e gli Enti Parco in un contesto di scarsita’ di risorse, consolidando o facendo nascere rapporti tra associazioni, pro loco, comitati di quartiere e centri anziani. “Perche’ eliminare una cosa che ha funzionato? Che senso ha? – si chiede il presidente Roberto Scacchi – grazie agli aiuti regionali e’ stato possibile curare 48 spazi verdi, mentre altri 52 aspettano solo lo sblocco dei fondi. Togliere I finanziamenti sarebbe una scelta sconsiderata e vorrebbe dire fermare uno strumento efficace di supporto al volontariato, che crea socialita’ e coesione, praticando la sussidiarieta’”. – conclude Scacchi.