Il comune di Roma ha prorogato fino al 30 settembre l’ordinanza anti-alcol. Il provvedimento limita la vendita e il consumo di bevande nelle ore serali. In tutta la capitale dalle 24 alle 7 non si potrà bere nelle strade aperte al pubblico transito. Dalle 22 invece – sempre negli spazi esterni – sarà vietato consumare le bevande alcoliche in contenitori di vetro. Gli esercenti, invece, verranno obbligati ad esporre un avviso visibile e leggibile contenente le misure stabilite da Palazzo Senatorio. “Lo scopo dell’ordinanza – si legge nel testo – è ovviamente la tutela di cittadini e turisti contro il fenomeno della movida molesta”. Per salvaguardare la salute, invece, la sindaca Virginia Raggi ha firmato un documento volto alla prevenzione e al controllo delle malattie trasmesse dalla zanzara tigre. Avrà validità fino al 31 dicembre e saranno previste sanzioni da 50 a 500 euro per chi non avrà cura degli spazi aperti favorendo cosi’ l’accumulo di acqua piovana e per i cittadini che non tagliano l’erba nei cortili. Infine, viene disposto alle utenze private di liberare le aree aperte da sterpi e rifiuti di ogni genere. Perplesso il presidente del movimento ecoitaliasolidale Piergiorgio Benvenuti: “Auspichiamo – ha affermato – che il comune non si faccia trovare impreparato pensando solamente a fare cassa con le multe ai privati, ai quali si chiede di mantenere il prato all’inglese, mentre I parchi pubblici proseguono ad essere delle discariche abbandonate”.