Dopo settimane di trattative è stato trovato un accordo sulla convenzione tra i titolari dei mercati in autogestione e il Campidoglio. “il Comune – ha spiegato il presidente della Fiva-Confcommercio Valter Papetti – è venuto incontro ad alcune nostre richieste”. Nel documento è stata ufficializzata l’adozione di un meccanismo di premialità: più un’Ags dimostra di aver speso bene i suoi soldi più facilmente rientra nella prima fascia di pagamento, vale a dire il 20% del canone annuo. Gli operatori, però, contestavano altri punti del contratto: come l’anticipo di sei mesi da versare al campidoglio nel momento della firma e la mancanza di un certificato che descrivesse lo stato del banco una volta consegnato alle ags: “Vigileremo – conclude Papetti – che quanto promesso avvenga davvero”.