Ancora incendi a Dragoncello. I cittadini adesso si riuniscono e pensano al fai-da-te per evitare che con il caldo corrano rischi anche le loro abitazioni. “Come tutti gli anni sono iniziati gli incendi. Il nostro quartiere ricco di aree verdi ne è particolarmente colpito a causa dell’incuria in qui versano queste aree”, spiega Ludovico Bsi del comitato di quartiere di Dragoncello. Che poi prosegue: “Alcune sono di privati che non si preoccupano di pulirle e di essere sanzionati, altre sono pubbliche o di enti pubblici, ma il risultato non cambia. Ci sono in particolare un paio di aree dove il pericolo che si sviluppino incendi particolarmente estesi ed incontrollati è molto alto”. L’ultimo incendio è scoppiato proprio ieri in via Petra. Proprio dopo questo rogo I cittadini hanno deciso di riunirsi e di organizzare pulizie e sfalci, per quanto possibile per dei privati che per il quartiere fanno già molto. “In zona – riprende Ludovico Bisi – stanno operando diversi gruppi di volontari che tentano con le loro scarse forze di porre un argine a questo degrado, evitando che il residuo patrimonio naturalistico vada in cenere, nell’attesa che chi di dovere intervenga”. Rimane però il fatto che non sempre I cittadini possono intervenire. E’ il caso dell’area del depuratore, troppo ampia, e della zona vicino al parco Vittime del Razzismo troppo impervia ma a forte rischio incendi e vicinissima ad un condominio.