Dopo il caos rifiuti che ha coinvolto, a macchia di leopardo, vari quartieri di Roma, Decimo Municipio compreso, Ama corre ai ripari. Nell’ultima settimana, l’azienda dichiara di aver raccolto e avviato al trattamento quasi 19 tonnellate di spazzattura, vale a dire circa 400 tonnellate in più rispetto a una settimana standard. Intanto, proseguono gli interventi mirati di pulizia manuale e di recupero delle giacenze non dipendenti dall’azienda. “Rimangono forti riduzioni dei quantitativi accettati da Malagrotta 1 e 2, che dallo scorso maggio accolgono circa 500 tonnellate al giorno in meno – dichiara in una nota la municipalizzata – da questa settimana sono state liberate le capacità di recupero e smaltimento dei due impianti e abbiamo potuto riprendere a scaricare i mezzi reimmettendoli in servizio su strada nel minor tempo possibile”. “Ci scusiamo per i disagi – prosegue – rinnoviamo l’appello a cittadini, esercizi commerciali, pendolari e turisti a ridurre al massimo la produzione di rifiuti indifferenziati e a rispettare scrupolosamente le regole per conferire correttamente le varie frazioni, contribuendo al miglioramento del decoro urbano e alla crescita ulteriore della differenziata”, ha concluso l’azienda.