Non tutti lo sanno, ma domenica 11 Novembre si terrà il referendum consultivo su Atac: i cittadini, infatti, potranno votare per indicare il futuro del trasporto pubblico romano. Se vincerà il “Si”, il Campidoglio dovrebbe mettere a bando il servizio. Uno dei promotori del referendum è il deputato Riccardo Magi. “Al posto dell’attuale affidamento in house, si propone il passaggio a un sistema di gare europee al quale possono partecipare sia soggetti privati che pubblici – ha spiegato Magi – questo darebbe all’amministrazione maggior forza per esercitare quelle funzioni di programmazione e controllo che oggi non ci sono perchè il controllore e il controllato coincidono”. Sono per il “No”, invece, il consigliere capitolino Giovanni Zannola e l’esponente del Partito Democratico del decimo municipio Leonardo Di Matteo.