Rispetto. E’ questo quello che chiedono i disabili del Decimo Municipio, che hanno manifestato ad Ostia, sul lungomare duca degli abruzzi per chiedere agli organi competenti maggiore attenzione ai loro diritti. Uno in particolare: quello di poter andare in spiaggia. La protesta e’ stata organizzata dalle associazioni “Decimo Solidale”, “Mare Libero” e “Comitato Portatori di Handicap”. “Hanno posizionato due passerelle pretenziose ai bordi del pontile – ha dichiarato Biagio Caputi, presidente di Decimo Solidale – una si e’ rotta e l’altra e’ inagibile. Questa e’ l’attenzione che hanno per chi e’ in carrozzina. Intanto, fanno il bando per la spiaggia riservata agli animali, oppure riqualificano un arenile per celebrare i matrimoni dopo che l’anno scorso non ne e’ stato fatto neanche uno. Ad esempio, lo scorso anno – prosegue- i bagni chimici furono messi in un primo momento sul lungomare. Poi, vennero spostati direttamente sulla spiaggia, dove i disabili non possono accedere. Di fatto, erano inutilizzabili. Da questa situazione non se ne esce fuori. Non e’ chiaro di chi siano le responsabilita’ degli arenili, se della Regione o del Municipio. Dopo Pasqua organizzeremo un meeting per approfondire questi problemi e far emergere la verita’. Inviteremo l’attuale giunta municipale e gli esperti del settore.– conclude Caputi.