Il “Progetto Memoria 2019” ai titoli di coda. Per il sesto anno consecutivo il Comune di Fiumicino, in collaborazione con l’Aned e la Regione Lazio, a partire dal 27 gennaio scorso, ha coinvolto nove istituti del territorio in un percorso di approfondimento dedicato alle persecuzioni nazifasciste contro gli omosessuali e le donne. Durante i mesi di studio, gli alunni hanno realizzato degli elaborati sul tema, successivamente selezionati da una giuria. I migliori hanno partecipato, dal 14 al 17 maggio, ad una visita a Berlino e nei campi di concentramento di Sachsenhausen e Ravensbruk. “Siamo orgogliosi di loro – ha dichiarato l’assessore alla scuola Paolo Calicchio – questi ragazzi dimostrano ogni anno di essere preparati, sensibili e consapevoli dell’importanza della memoria”. Il sindaco Montino ha confermato la volonta’ di portare avanti il progetto intrapreso nel 2013. “Esistono ancora luoghi in cui succedono cose orribili, in paesi non lontani da noi – ha ricordato Montino – dobbiamo lavorare affinche’ cio’ non avvenga piu’”. Alla cerimonia di premiazione, alla quale ha preso parte anche la consigliera regionale Marietta Tidei, I vincitori hanno ricevuto in dono una pergamena e hanno avuto l’onore di esporre le proprie opere nella sala matrimoni del comune. Infine alcuni studenti hanno consegnato al primo cittadino un libro con le firme di coloro che hanno partecipato all’iniziativa.