Rumori notturni, bagni chiusi e pensiline assenti. Nonostante gli impegni presi da regione e rete ferroviaria italiana, la stazione di Ladispoli lascia ancora a desiderare.