A tre giorni  dall’interruzione del Ponte della Scafa,  collegamento fondamentale per il litorale romano e per la città di Fiumicino, sono tanti i soggetti messi a dura prova dalla nuova, obbligata, viabilità. Le persone, per continuare a lavorare o a svolgere le loro attività sono costrette a un giro assurdo tra GRA, Autostrada e Via del Mare. Il problema vale, ovviamente, in entrambe le direzioni.