Dopo circa un anno, sono terminati i lavori di messa in sicurezza dell’impianto “Eco-X” di Pomezia, devastato da un terribile incendio a maggio del 2017. Gli interventi sono stati eseguiti sotto lo stretto controllo della “Asl Roma 6” per il monitoraggio delle fibre di amianto la cui presenza e’ stata scongiurata, almeno nei cumuli di rifiuti ancora accatastati. “Finalmente possiamo dire che la zona e’ stata messa in sicurezza – ha dichiarato il sindaco Adriano Zuccalà – ma questo e’ solo il primo passo. Il sito ha bisogno della rimozione totale dell’immondizia e di una bonifica a cui il comune da solo non può far fronte economicamente. Chiediamo ancora una volta e con forza l’intervento degli enti superiori, regione e ministero, affinchè non rimanga l’ennesimo sito messo in sicurezza e poi abbandonato” – ha concluso Zuccalà. Intanto, almeno per il momento, l’area torna in carico alla procura della Repubblica e rimane sotto sequestro.