Il  26 settembre il Consiglio di Stato sarà chiamato ad esprimersi definitivamente sulla legittimità del vincolo paesaggistico posto dal Ministero dei beni culturali su 2000 ettari verdi di campagna romana tra i Comuni di Pomezia e Ardea. “Nel 2017 il Ministero dei Beni culturali ha apposto un vincolo sui territori di Pomezia e Ardea bloccando la realizzazione di due centrali di rifiuti, la costruzione di capannoni industriali impattanti, la distruzione della campagna verde, il degrado, l’aumento vertiginoso di traffico veicolare. Il Tar del Lazio ha già riconosciuto la piena legittimità del vincolo, accogliendo la linea delle associazioni. Ora la partita si è spostata al Consiglio di Stato che è chiamato in udienza il prossimo 26 settembre 2019.Anche in questa occasione, insieme ai comitati civici, come il Comitato di quartiere di Santa Palomba, il Comitato di zona Roma 2, il gruppo NO Biogas Pomezia, il comitato Vie Monachelle Pomezia, l’ Associazione Culturale Tyrrhenum e i cittadini puntiamo a difendere questo provvedimento importante per la vita di tutti i cittadini e l’ambiente nel quale viviamo”. il 7 e il 14 settembre dalle 10.30 alle 14 in piazza Indipendenza saranno sistemati dei banchetti per la raccolta delle donazioni. Appuntamento anche in via Danimarca, il 21 settembre, sempre dalle 10.30 alle 13.