Affidare l’ex-ufficio tecnico di Ostia a un privato che lo ristrutturi per destinarlo a scopi sociali. L’ultima proposta della giunta municipale ha scatenato l’indignazione dell’Unione Comitati, che nel 2015 raccolse quasi 3mila firme per richiedere l’abbattimento della struttura. Il Decimo Municipio, a quanto pare, e’ di tutt’altro avviso rispetto al valore storico dell’edificio e alla sua ideale destinazione. La demolizione dell’ex-ufficio tecnico, peraltro, era gia’ stata inserita nel Pua del 2005, mai approvato. Il problema ora sara’ trovare un privato disposto ad investire qualcosa come un milione e 200mila euro per restaurare un edificio fatiscente, versando anche un canone annuale, senza alcuna prospettiva di profitto.