Le mareggiate continuano a flagellare la costa di Ostia e la spiaggia arretra sempre di più. Nelle ultime ore, le onde hanno letteralmente inghiottito il “Pontiletto dei Pescatori”, la passerella in legno realizzata di fronte all’ex-colonia Vittorio Emanuele III, sul lungomare Paolo Toscanelli. La struttura, inaugurata nel 2006 dall’allora presidente del Tredicesimo Municipio Davide Bordoni costò qualcosa come 150mila euro… Ma ha avuto vita breve: fu dichiarata inagibile la prima volta nella primavera del 2011. Nel gennaio dell’anno successivo, all’esito di un’attività ispettiva condotta dal Nucleo Carabinieri Subacquei di Roma, venne constatata l’usura della parte sommersa dei piloni di sostegno. Il problema venne segnalato all’ufficio tecnico, che decise di interdire l’accesso pedonale. La costruzione, concepita maldestramente dai progettisti, non potè resistere molto al mare forza 5 e alle raffiche di libeccio: nel mese di ottobre collassò definitivamente, accartacciandosi su sè stessa. In mancanza di interventi, purtroppo, continua la consunzione di travi di legno e cavi di acciaio, che ancora oggi si staccano dalla struttura portante e diventano relitti galleggianti. Tutto ciò mentre spariscono diversi metri di arenile.