La copertura di alcuni volti dal murale realizzato all’esterno della stazione lido nord a Ostia continua ad alimentare polemiche. Dopo la petizione on line per chiedere il ripristino del volto della giornalista Federica Angeli l’associazione antimafia noi ha scritto una lettera al Ministero dell’Istruzione, al Campidoglio, alla Regione Lazio e all’Atac, per chiedere di far tornare il disegno esattamente come era stato pensato in origine. “Il murale avrebbe dovuto rappresentare personaggi emblematici del territorio lidense, insieme donne e uomini impegnati nella lotta alla mafia scelti da mille studenti di dieci istituti scolastici che hanno partecipato al progetto legalità, finanziato dal Miur” – scrive nella missiva il presidente dell’associazione Massimiliano Vender – l’amministrazione a 5 stelle in un primo momento aveva proposto di trovare una location diversa per i volti censurati salvo poi tirarsi indietro affermando di aver ritirato il patrocinio e di non avere più competenza nella questione. Per questo, essendo in vostro potere farlo, vi chiedo di impegnarci tutti nel restituire dignità alla pubblica amministrazione, alla politica e al nostro territorio e di riconsegnare all’opera artistica la sua ragione di esistere autorizzandone il ripristino, prima cioè dell’intervento coercitivo del Municipio