Terza edizione del premioClaudio Zolesi per lo sport”. Nella sala conferenze del “Centro formazione professionale Castel Fusano alberghiero”, sono stati consegnati i riconoscimenti a chi, nel Decimo Municipio, si e’ distinto nelle diverse discipline. La festa si e’ conclusa con la standing ovation all’ospite d’onore: Nino La Rocca, da anni residente ad Ostia. Soprannominato negli stati uniti “The italian Ali’”, ha vinto 50 incontri di boxe, tutti per ko. “Volere e’ potere – ha affermato la rocca ritirando la targa – consiglio il pugilato ai giovani. Insegna disciplina e rispetto per l’avversario”. In totale, sono stati 18 i campioni premiati. Molti di loro sono ancora in piena attività. Tanti provengono dal gruppo sportivo Fiamme Gialle di Ostia. Il premio intende ricordare un personaggio, scomparso nel 2008, che tanto ha dato al territorio. L’obiettivo di Zolesi era collegare la passione per lo sport ai diritti civili. L’atletica, in particolare, e’ stata il motore della sua vita e lo ha portato a fondare nel 1972 il Cali Roma XIII, oggi conosciuta come polisportiva Roma XIII. Infine, non bisogna dimenticare “Ostia in bici”, che tutt’ora porta avanti importanti obiettivi sportivi e sociali. “Il messaggio più importante che ci ha lasciato Claudio – ha commentato la presidente Giuliana Di Pillo – e’ quello di far comprendere che non e’ necessario diventare forti a tutti i costi. Aggiungiamo che, in questo ambito, a prescindere dal ruolo svolto, contano i principi comuni”.