Ostia, la tomba dell’amore. La “spiaggia degli sposi” istituita quattordici mesi fa dopo l’approvazione della delibera del Movimento 5 Stelle, è soltanto una scatola di sabbia, mista ad immondizia. Nessuna coppia, infatti, si è presentata sul lungomare Toscanelli, davanti alla fatiscente ex Colonia Vittorio Emanuele III. Di certo, non proprio la location più che si possa desiderare, considerato il degrado offerto dalla zona. “Il numero dei matrimoni sulla spiaggia degli sposi è zero”, ha ammesso l’Assessore al Bilancio di Roma Capitale Gianni Lemmetti. La causa del flop andrebbe cercata in non meglio precisati “problemi con l’Agenzia del Demanio”. E pensare che prima delle elezioni nel Decimo Municipio, i 5 stelle fremevano per l’ok alla delibera. Lo ricorda anche la consigliera capitolina Svetlana Celli della lista civica “Roma torna Roma”, che afferma: “All’epoca i grillini dichiaravano di avere tante richieste di coppie pronte a dire di si. Dove sono finite? Noi – prosegue – prima del voto, avevamo presentato una pregiudiziale in cui indicavamo le difficolta’ con il demanio, ma e’ stata bocciata dalla maggioranza. E il risultato si vede”. Gli sposi, invece, ancora no