Si spacciano per operatori dell’Anffas Ostia e chiedono soldi alle famiglie con persone disabili. L’ignobile tentativo di truffa si ripete per il terzo anno.