Si arricchisce di nuovi elementi la vicenda del canale di bonifica di via Epaminonda a Nuova Palocco, intubato in assenza di autorizzazioni. L’abuso accertato dalla polizia locale nel 2012, in realtà risalirebbe a molto tempo addietro – come dimostra questo decreto di archiviazione – e sarebbe stato eseguito da soggetti diversi dagli indagati. In sostanza, la famiglia che risiede al civico 151 avrebbe acquistato la proprietà solo successivamente e si sente parte lesa, poichè vittima di atti persecutori da parte del vicinato. L’area in questione non risulta accatastata come demaniale e i disagi denunciati si verificherebbero soltanto in caso di precipitazioni di carattere eccezionale, come avvenuto durante l’alluvione del 2014, quando ad allagarsi furono praticamente tutti I quartieri dell’entroterra. Detto ciò, c’e’ un ordine di demolizione da rispettare, al quale devono comunque ottemperare gli attuali proprietari. E che attende di essere eseguito da quasi cinque anni.