Numeri record per il porta a porta all’Axa, ed era solo la prima settimana.
“Dopo la rimozione dei 300 cassonetti stradali – fa sapere AMA – il sistema di conferimento e prelievo dei rifiuti ha fatto registrare il 93% di raccolta differenziata.” Nella fase di avvio, l’azienda sta accompagnando cittadini ed esercenti, sensibilizzandoli attraverso la presenza sul territorio di eco-informatori, tecnici e agenti accertatori. Il personale AMA, inoltre, verifica i conferimenti apponendo un bollino rosso di “avvertimento” con pollice verso sui contenitori in caso di errori nella separazione dei materiali. E se i residenti dei quartieri limitrofi già lamentano un incremento dei rifiuti dovuto proprio ai trasgressori provenienti dal cosiddetto “pianeta verde”, Legambiente lazio frena l’entusiasmo: “All’Axa vivono 10mila romani, appena lo 0,35% del totale – scrive l’associazione – se ogni giorno il porta porta arrivasse allo 0,35% dei romani, la capitale impiegherebbe quasi due secoli a passarvi tutta, visto che quasi due milioni di utenze hanno ancora i cassonetti.