A distanza di sei anni, sono ancora immerse nell’acqua stagnante le imbarcazioni romane ritrovate durante gli scavi preventivi per il nuovo Ponte della Scafa.