Al termine della prima edizione dell’eco festival “Plastic Free – plastica d’A-mare”, lo street artist Marco Tarascio, meglio conosciuto come “Moby Dick”, ha realizzato un magnifico squalo su una parete del porto turistico di Ostia. “la plastica che usi una volta, tortura gli oceani per sempre”, è il messaggio che il writer ha voluto lanciare, lasciandolo impresso sul muro. “Sono fiero di aver avuto l’occasione di lavorare per la mia città, in una zona delicata come quella del Porto – ha commentato Tarascio – ho potuto parlare ai miei concittadini attraverso l’arte, facendoli riflettere su questioni ora più che mai urgenti e fondamentali” – ha concluso. L’opera dalle caratteristiche oniriche, attinge al pieno contatto con la natura: convinto animalista e difensore dell’ambiente, Tarascio è stato l’interprete perfetto dello spirito del festival “Plastica d’a-mare”, nato come momento di sensibilizzazione del pubblico sul tema dell’inquinamento a discapito dei mari. “Moby Dick” è uno degli street artist di riferimento del pop surrealismo made in Italy. Ha recentemente collaborato con “Sea sheapherd Italia” nella realizzazione di murales sul tema ambientale.