Dopo i recenti episodi di stampo nazi-fascista, il sindaco di Fiumicino Esterino Montino, ha fatto una segnalazione alle forze dell’ordine e alla procura di Civitavecchia. “Dobbiamo constatare l’aumento di minacce e atti vandalici riconducibili a gruppi di estrema destra – ha dichiarato il primo cittadino – già a partire dalla campagna elettorale, ci sono state le svastiche apparse sui manifesti, poi le vere e proprie minacce nei confronti miei e di mia moglie; poi, ancora, gli striscioni apparsi davanti alla scuola Rodano. Tutto questo si accompagna al fiorire di organizzazioni e sigle che si ispirano al fascismo, ne usano la simbologia e adottano pratiche di dubbia legalità, come le cosiddette passeggiate per la sicurezza che sarebbe più appropriato definire ‘ronde”. “Ne emerge un quadro preoccupante – conclude Montino – che ci chiama a intervenire in tutte le sedi possibili come amministratori, come cittadini e come democratici. Ho chiesto esplicitamente di approfondire queste vicende e di verificare se ci siano gli estremi per appellarsi alla legge che vieta l’apologia al fascismo e la ricostruzione, in tutte le sue forme, del partito che ha segnato il periodo più buio della storia contemporanea del nostro Paese”.