Anche quest’anno si chiude con ottimi risultati “Mare Sicuro”, ormai diventata un’attivita’ cardine della Capitaneria di Porto di Roma. Complessivamente, sono state 24 le operazioni di ricerca e soccorso. 70 le persone salvate dagli uomini della Guardia Costiera. In questi mesi, e’ stata costantemente vigilata l’area marina protetta delle secche di tor paterno, per controllare il rispetto dei divieti posti a tutela degli ecosistemi e impedire azioni che potessero arrecare danni agli habitat. Tante le ispezioni dei prodotti ittici serviti nei ristoranti e negli stabilimenti balneari. Particolare attenzione e’ stata rivolta al rispetto della normativa sulla tracciabilita’ e sull’etichettatura del cibo, pietanze crude comprese. Risultato: 900 chili di pesce sequestrato e 30mila euro di multe. Costante il monitoraggio della vendita illegale di telline, con frequenti perquisizioni personali e domiciliari. Numerosi i controlli sugli impianti di depurazione assieme al personale dell’arpa lazio, che hanno portato a scovare degli illeciti a carico del responsabile di una struttura. 4, invece, le persone accusate di occupazione abusiva di abitazioni e stabilimenti. 27, in totale, i controlli effettuati contro l’abusivismo commerciale lungo il demanio marittimo. 21 i sequestri di articoli di diverso tipo, come giocattoli o abbigliamento. In tutto, sono stati riscontrati 137 illeciti amministrativi e 24 di natura penale.