Come ogni anno in questi giorni di luglio arriva sul litorale romano, da Torvaianica, ad Ostia sino a Focene l’anomala colorazione del mare dovuta semplicemente alla massiccia fioritura di un’alga assolutamente non tossica per l’uomo. “Lo scorso anno i Sindaci di Ardea e Pomezia – ha ricordato il movimento Ecoitaliasolidale – hanno interdetto inutilmente la balneazione delle zone in attesa delle rilevazioni per eventuali fonti di inquinamento. Sta di fatto che una analisi che poteva essere realizzata in laboratorio in poche ore, ci sono volute quattro interminabili giornate ed intanto l’allarme era scattato e il divieto di balneazione aveva causato inutili disagi ai bagnanti ed un danno ingente all’economia turistica della zona”.