Carlo Bonini ha presentato ad Ostia il suo ultimo libro “L’isola assassina”. L’evento rientra nell’ambito della rassegna “Libri in spiaggia per lettori d’amare”.

Daphne Caruana Galizia è morta il 16 ottobre 2017 a Bidnija, a nord di Malta, uccisa da una bomba collocata nell’auto che guidava, una Peugeot 108. Aveva cinquantatré anni, un marito e tre figli. Era una giornalista famosa ed era stata premiata con il Pulitzer per le sue inchieste sul riciclaggio e sull’evasione fiscale internazionali, che hanno legato l’isola ai Panama Papers. È stata lei la prima a rivelare il coinvolgimento in quello scandalo del ministro Konrad Mizzi e di Keith Schembri, capo di gabinetto del primo ministro laburista Joseph Muscat. Non è ancora noto il nome di chi ha ordinato l’omicidio di Daphne. Ma la sua storia getta luce su una verità fino a oggi ignorata, una verità che l’Europa fin qui ha preferito non vedere. Forse perché Malta è “lo Stato nel Mediterraneo che fa da base pirata per l’evasione fiscale nell’Unione Europea”, come ha scritto la giornalista nei suoi MaltaFiles. Poco più grande dell’Isola d’Elba, Malta ha iscritto nei registri della Camera di commercio locale 53.247 società e 581 fondi d’investimento, drenando all’economia dell’Unione Europea 8,2 miliardi di euro negli ultimi dieci anni.