Le associazioni “Italia Nostra”, “WWF”, “Pro Natura”, “Fai Lazio” e “Lipu” chiedono al ministro dell’ambiente Sergio Costa di nominare al piu’ presto la nuova commissione di riserva e approvare il piano di gestione. “La riserva naturale statale del litorale romano, la piu’ grande d’Italia, dopo oltre ventitre anni è ancora senza uno strumento fondamentale per sua la tutela – si legge nella nota dei gruppi ambientalisti – il ministro Costa con decreto del 20 maggio scorso ha espresso parere di compatibilità con raccomandazioni sulla procedura di valutazione ambientale strategica. Si attende ora l’integrazione del documento e la sua approvazione. Intanto, a marzo, è scaduto il mandato della commissione di riserva che a sua volta deve esprimersi sul piano di gestione. Pertanto chiediamo che sia rimessa al più presto in condizione di operare. E’ importante intervenire prima che nuove deroghe consentano ulteriore consumo di suolo” – terminano le Associazioni.