165 arrestati e oltre 150mila persone controllate. Sono soltanto alcuni dei numeri pubblicati dal compartimento regionale della Polizia Ferroviaria nel bilancio consuntivo dell’attività effettuata nel 2018. Per rapine, borseggi, furti e scippi sono scattate anche 776 denunce e 505 contravvenzioni. Inoltre, sono stati recuperati oltre duemila chili di rame rubato. L’azione di contrasto all’abusivismo è stata realizzata attraverso 125 controlli straordinari del territorio che hanno consentito di sanzionare i soggetti sorpresi ad esercitare nei negozi senza le dovute autorizzazioni. 727 sono stati i servizi predisposti in occasioni di eventi e manifestazioni che hanno visto numerose persone utilizzare il treno per i loro spostamenti. Per quanto riguarda le attività di polizia giudiziaria, la Questura sottolinea in particolare quella che consentì l’arresto di quattro cittadini stranieri che rapinavano i viaggiatori dopo aver somministrato loro delle bevande con l’aggiunta di sostanze soporifere. Importanti sono state anche le opere di soccorso con la presenza di sei defibrillatori automatici e con il ritrovamento di 182 minori, poi riaffidati alle famiglie o ai centri di accoglienza. Infine da sottolineare l’operazione “Train to be cool”. In tale ambito gli agenti hanno incontrato oltre seimila alunni per svolgere delle lezioni sulla cultura della sicurezza.