Dopo la morte della ragazza investita da un treno mentre attraversava sui binari a Cerveteri, torna di grande attualita’ il tema della sicurezza nelle stazioni. Il consigliere comunale di Ladispoli Giovanni Ardita, ha sollevato il problema del sottopasso dello scalo di Piazzale Roma, troppo piccolo per gli ottomila utenti che ogni giorno lo percorrono. “E’ innegabile che una volta terminata l’opera di restyling – afferma Ardita – avremo una struttura tra le piu’ moderne e funzionanti del Lazio, dotata di quattro ascensori per i disabili e toilette riaperte dopo otto anni, ma rischia di essere una grande opera incompleta”. L’amministrazione grando aveva proposto una variante per realizzare un ulteriore sottopassaggio tra il secondo e il primo binario, decongestionando in questo modo l’afflusso di massa. “Si potrebbe invece proporre a Trenitalia – conclude Ardita – di far fermare i convogli al primo binario, evitando l’attraversamento dei pendolari. E’ una soluzione che risolverebbe la situazione e non ci sembra di difficile attuazione”.