Trasformare il Pit di Ladispoli in day hospital”. Il circolo Enrico Berlinguer riaccende i riflettori sulla petizione presentata in regione nel lontano 2013, dal direttore della Asl Roma 4, Giuseppe Quintavalle. Piu’ di mille firme erano state raccolte per convertire la struttura in un vero e proprio Pronto Soccorso, vista la penuria di ospedali nella zona e considerando che il Comune ladispolano, insieme a quello di Cerveteri, conta ormai oltre 100mila abitanti. L’attuale “posto di primo intervento” avrebbe infatti le caratteristiche per fare questo salto di qualita’: il presidio e’ dotato di uno sportello unico per le prenotazioni tramite il pagamento di ticket, ha a disposizione quattro posti letto per la degenza e laboratori di radiologia e analisi, che al momento sembrerebbero inutilizzati. Inoltre in questi giorni e’ stato lanciato un allarme in merito alla sostituzione che starebbe avvenendo, di medici ospedalieri con dottori in medicina generale. I numeri parlano di 1250 interventi, tra cui 59 codici rossi e 641 gialli. L’interrogativo che si pongono i cittadini e’ se il nuovo personale sara’ in grado di affrontare queste emergenze.