Continuano a far discutere le recenti esternazioni del sindaco di Ladispoli Alessandro Grando, che – a fronte del repentino ‘ripensamento’ del comune di Roma – ha preso l’impegno di intitolare una piazza a Giorgio Almirante, storico segretario del MSI e caporedattore della rivista fascista “La difesa della razza”. “La nostra è una città di tradizione multietnica – scrive la sezione locale dell’associazione nazionale partigiani – e non ha bisogno di una targa alla memoria di chi fece professione razziale, senza peraltro mai smentire nel corso della sua carriera politica. Lasci queste iniziative agli esponenti di partito: lei e’ una figura istituzionale che rappresenta tutti – conclude l’ANPI rivolta al sindaco – e qualcuno giustamente le ha fatto osservare che le strade di Ladispoli più che di intitolazioni hanno bisogno di ripavimentazioni.”