Il Comune di Ladispoli continua ad opporsi al passaggio del servizio idrico all’Acea. In regione si sono riunite nuovamente le commissioni “Ambiente” e “Tutela del teritorio” per discutere le posizioni di quelle amministrazioni che ancora resistono all’ingresso in Ato2. “L’assessore ai lavori pubblici Mauro Alessandri – si legge in una nota del comune di Ladispoli – ha ribadito che la Pisana dovrà applicare i poteri sostitutivi inviando un commissario, se la situazione non cambierà. Allo stesso tempo ha ammesso la necessità di effettuare ulteriori approfondimenti sulla particolare situazione che vivono quei comuni che gestiscono in proprio il servizio idrico con buoni risultati. Inoltre, I consiglieri presenti si sono espressi a favore dell’istituzione di un tavolo tecnico tra I rappresentanti della Regione, del ministero dell’Ambiente, della commissione parlamentare che sta esaminando la nuova proposta di legge sull’acqua pubblica e I comuni che si oppongono al passaggio. Da questo incontro dovranno scaturire indicazioni e risposte sui dubbi sollevati dagli enti che come il nostro rifiutano l’ingresso forzoso in Acea” – termina l’amministrazione di Ladispoli.