Il Comune di Ladispoli ha annunciato dei tagli nel servizio di assistenza e integrazione sociale per disabili, anziani e bambini. A partire da luglio e per i successivi sei mesi dell’anno, saranno ridotte le ore del personale, in base alle attuali disponibilita’ in bilancio. In totale la riduzione della spesa ammonterebbe a circa 210mila euro. Dovrebbero risentirne coloro che frequentano I centri diurni o le strutture semiresidenziali e i bambini che usufruiscono dell’assistenza educativa culturale. “La riduzione drastica di fondi aumentera’ la sofferenza di utenti, famiglie e operatori e a lungo termine fara’ lievitare la spesa. – dichiara il sindacato pensionati cgil – all’orizzonte si profila un significativo aumento di disabili e anziani, dovuto alle nuove aspettative di vita. Pertanto, quale sara’ la spesa pubblica per I ricoveri se non si ripensa radicalmente l’organizzazione di tutto il settore? – conclude il sindacato. Intanto l’Assessore Comunale alle Politiche Sociali, Lucia Cordeschi, rispondendo alle critiche, ha fatto sapere che nei prossimi mesi sono previste altre variazioni di bilancio e che si procedera’ ad una rimodulazione delle ore. “Non ci siamo mai sottratti al confronto – ha affermato Cordeschi – basta con le strumentalizzazioni politiche”.