Non hanno fatto trascorrere neanche una settimana dall’inaugurazione, I vandali che stanotte hanno distrutto la targa della nuova piazza di Ladispoli, intitolata a Giorgio Almirante, storico segretario del Movimento Sociale Italiano. Non e’ ancora chiaro se sia stato il gesto di qualche sconsiderato o un messaggio di dissenso politico. Sta di fatto che ora della pietra toponomastica e’ rimasto ben poco. Avendo previsto il verificarsi di una situazione simile, l’Amministrazione aveva anche provveduto ad installare telecamere di videosorveglianza nell’area, ma al momento non sono ancora attive. “Non dobbiamo accettare provocazioni – ha dichiarato il consigliere comunale Giovanni Ardita che aveva presentato la mozione per l’intitolazione – ordineremo una nuova targa o faremo la scritta con il cemento”. Con tutta probabilita’ sono legate alla vicenda anche le gravi minacce arrivate via mail al primo cittadino di Ladispoli. “Esprimiamo la nostra solidarieta’ al sindaco Grando – hanno affermato alcuni esponenti del gruppo consiliare della Lega per Salvini Premier – non puo’ essere questo il modus operandi di chi intende contrastare democraticamente la nostra azione amministrativa e politica”.