L’assobalneari di Ladispoli e marina di San Nicola ha reso pubblico un report delle operazioni effettuate fino ad oggi grazie al piano collettivo di salvamento. Sono stati sessanta i soccorsi refertati, di questi  quindici  hanno visto il personale impegnato in acqua. La maggior parte degli interventi è avvenuta sugli arenili liberi, dimostrando la necessità e l’importanza della presenza di torrette sulle spiagge non in concessione.