100mila metri cubi di cemento, vetro e ferro… per un estensione di circa 24mila metri quadri. Dopo quattro anni di silenzio, sull’Infernetto ripiomba l’ombra del colosso “Esselunga”.