Sono trascorsi oltre due mesi da quando “Cittadinanza Attiva” ha consegnato alla Asl Roma 3 una raccolta firme per chiedere la realizzazione di un ospedale di prossimità e di un hospice nel territorio comunale di Fiumicino. “Ancora non abbiamo avuto nessun riscontro da parte della direzione sanitaria – spiega la coordinatrice del comitato Stella Zaso – come del resto, non si interessa di altre problematiche che riguardano il poliambulatorio di Via Coni Zugna. Lo specialista otorinolaringoiatra e il medico addetto alla lettura delle lastre sono andati in pensione, ma non sono stati sostituiti. Le prestazioni dell’ambulatorio di radiologia, infatti, sono sospese. Un’altra questione che solleviamo – prosegue Zaso – e’ la mancata presa in carico dei pazienti con le patologie previste dai “Percorsi diagnostico-terapeutici assistenziali“. In attesa dell’apertura della casa della salute di Palidoro, potrebbero essere gestiti dalla struttura sanitaria del lungomare di Ostia” – conclude.