La giunta di Fiumicino ha approvato la delibera che istituisce il registro dei richiedenti asilo, uno strumento che permette di fotografare l’attuale situazione delle persone che realmente vivono nel territorio e permettere loro di dichiarare un domicilio ufficiale, accedendo ai servizi erogati dal Comune.”Non ci puo’ essere sicurezza senza rispetto dei diritti fondamentali – ha affermato Montino – non si puo’ alimentare l’odio verso chi percepiamo diverso da noi. Abbiamo condiviso questa scelta con molti altri sindaci del Lazio e in tanti sono pronti ad adottare la stessa soluzione.” Immediata la replica degli esponenti della Lega: “L’asilo politico agli irregolari e’ uno schiaffo ai fiumicinesi. In questo modo i bambini delle famiglie che da anni vivono qui non potranno accedere alle graduatorie dei nidi e i servizi sanitari finiranno al collasso. Siamo ormai in un clima dittatoriale, dove il sindaco agisce per pura propaganda personale”.