A Fiumicino si torna a discutere dei fondi Iresa e in Commissione Ambiente volano parole grosse… e non solo, tra maggioranza e opposizione. In seguito alla marcia indietro sulla destinazione delle risorse, derivanti dalla tassa sull’inquinameto acustico, alla riqualificazione della pineta di Fregene, il Movimento Cinque Stelle accusa l’amministrazione di incompetenza e mancato rispetto delle regole. “Gia’ lo scorso dicembre avevamo denunciato l’illegittimita’ del provvedimento, ma non ci hanno ascoltato. – hanno affermato gli esponenti pentastellati – la storia ci ha dato ragione e ora bisognera’ render conto del bluff ai danni dei cittadini di Fregene”. Netta la replica del Partito Democratico: “I consiglieri grillini, oltre a non ascoltare le puntuali spiegazioni dei dirigenti d’area, non leggono gli atti e I documenti a disposizione. I fondi non sono stati bloccati perche’ non rispettavano le finalita’ dell’Iresa, ma per un problema legato all’approvazione del bilancio. Stiamo lavorando per prevedere altri 600mila euro per la messa in sicurezza della pineta. Inoltre – fanno sapere dalla maggioranza – e’ stata avviata una collaborazione con l’Universita’ La Sapienza per predisporre una rete di sistemi di monitoraggio per l’inquinamento acustico e per le polveri sottili”. A margine della commissione sarebbe accaduto un episodio spiacevole: il consigliere grillino Ezio Pietrosanti ha riferito di esser stato aggredito da un esponente del PD che lo avrebbe sbattuto al muro e schiaffeggiato.