Dopo la bocciatura, da parte del Ministero dell’Ambiente, della costruzione della quarta pista dell’aeroporto di Fiumicino perchè incompatibile con la Riserva Statale del Litorale Romano, Adr rende noto che da tempo sta lavorando, assieme a Enac, alla revisione del piano sul Leonardo Da Vinci. Questo nuovo progetto ha l’obiettivo principale di coniugare la necessita’ di aumentare la capacita’ del traffico aereo, al profondo rispetto della natura e del territorio attorno allo scalo. “Il primo aeroporto italiano, porta d’accesso da e per il nostro Paese, registra da oltre dieci anni una crescita costante del volume di passeggeri e le stime per il prossimo futuro rendono ineludibile uno sviluppo delle infrastrutture di volo e di terra” ha affermato la società in una nota ufficiale. Un ampliamento che pero’ dovrà fare i conti con l’ambiente circostante. “Abbiamo fermato il raddoppio dell’aeroporto – aveva infatti commentato il ministro Costa – sarebbe stata l’ennesima speculazione di cemento in un territorio già martoriato”.