Potrebbe arrivare in tempi brevi la stretta sui proprietari dei cani che non raccolgono gli escrementi del proprio amico a quattro zampe e tirano dritto lasciando per strada ricordini poco graditi. La Coldiretti ha realizzato, in via sperimentale, la prima banca dati del dna di circa 1.500 cani. Il progetto, per ora in via sperimentale in un comune del varesotto, potrebbe presto estendersi in tutta italia. Anche nel Decimo Municipio dunque, dove la concentrazione di animali domestici è particolarmente alta.